Il dolore di un linfonodo nel collo

Apparato locomotore 18: Muscoli del Collo

Dolore nella osteocondrosi cosa fare

A tal proposito, potete dare uno sguardo al nostro approfondimento che spiega il perché dei linfonodi ingrossati. Ma ora torniamo ai linfonodi gonfi sul collo.

I linfonodi, noti anche come ghiandole linfatiche, sono una parte importante del sistema immunitario. Si tratta di organi di piccole dimensioni dalla forma rotonda, simili a masse globose di grandezza variabile, ma visibili e palpabili solo quando sono ingrossati o gonfi. I linfonodi del collo destro o sinistro, nonostante siano più superficiali, non sono visibili o palpabili, a meno che non si ingrossino per qualche motivo. Ai linfonodi del collo appartengono tutta una serie di ghiandole linfonodali predisposte lungo tutta la regione di collo e capo.

Un linfonodo reattivo non sempre, anzi raramente, è maligno, cioè sintomo di tumore. Nel il dolore di un linfonodo nel collo caso, i linfonodi sul collo si ingrossano in maniera improvvisa e repentina, cioè molto veloce. La crescita lenta del linfonodo potrebbe derivare dalla crescita e dalla proliferazione di un tumore, sia esso benigno o maligno. I sintomi causati dal gonfiore ghiandolare possono essere molteplici e variano in base alla causa scatenante.

La sintomatologia più comune riferita a dei linfonodi infiammati sul collo riguarda la comparsa dei seguenti sintomi:. Ecco i principali:. I linfonodi del collo dei bambini ad esempio subiscono in particolare questo effetto e le ghiandole possono ridursi di dimensioni pur il dolore di un linfonodo nel collo fisse e visibili per molte settimane.

A volte, invece, è conseguenza di patologie infettive il dolore di un linfonodo nel collo tubercolosi o toxoplasmosi, pericolosa specialmente il gravidanza. Tra questi troviamo il dolore di un linfonodo nel collo linfoma non Hodgkinun tumore maligno che prende origine dal tessuto linfatico, e il linfoma di Hodgkinuna forma rara di linfoma, caratterizzato dalla presenza di particolari cellule tumorali giganti, dette cellule di Reed-Sternberg, che si originano prima nei linfonodi e possono poi diffondersi ad altri organi.

Se queste cellule viaggiano nel sistema linfatico possono raggiungere i linfonodi, anche del collo, e proliferare. Questa diffusione del cancro in una nuova parte del corpo è chiamata metastasi. Prelevandolo attraverso una semplice biopsia sarà possibile sapere se il cancro si è spostato nei linfonodi vicini oppure no.

Queste informazioni possono aiutare un medico a determinare lo stadio del tumore ai linfonodi del collo e sviluppare un piano di trattamento appropriato. Andiamo sempre dal medico quando vediamo che il linfonodo gonfio non si riduce in breve tempo! Seppur raramente, i linfonodi cervicali del collo possono subire un forte o limitato ingrossamento per altre cause, che normalmente non avrebbero nulla a che fare con le ghiandole linfatiche.

Se si percepiscono al tatto dei linfonodi ingrossati, è necessario consultare subito il proprio medico di base. Lui dovrà essere in grado di valutare immediatamente il il dolore di un linfonodo nel collo, proporre ulteriori diagnosi o prescrivere la cura più idonea. Se il problema è di origine infettivo, e presenta caratteristiche più gravi della semplice infezione curabile con degli antibiotici, si potrà essere indirizzati da uno specialista di malattie infettive.

Altre volte, invece, serviranno le abilità di un chirurgo per effettuare una biopsia o rimuovere completamente il linfonodo. Molto spesso, i linfonodi del collo risultano dolenti o gonfi perché attivati per contrastare una semplice infiammazione.

In questo caso, identificata la natura e le possibili cause, il medico capirà come sgonfiare i linfonodi del collo e prescriverà una cura antibiotica ed antinfiammatoria per alleviare il dolore. Mononucleosi e toxoplasmosi necessitano soprattutto di pazienza e riposo e, se necessario, di farmaci antipiretici per alleviare gli altri sintomi.

Nel caso dei linfomi, invece, la strategia terapeutica, chiaramente, è più complessa e articolata e si basa su farmaci chemioterapici e radioterapia. Al fine di trattare i linfonodi del collo ingrossati in modo efficace e in breve tempo, è necessario identificare la causa di questo problema. Uno dei principali rimedi in grado di dare sollievo al collo gonfio è la pressione riscaldante.

Applicando questo rimedio, si sfrutta la temperatura calda per aumentare la circolazione sanguigna. Inoltre, possiede importanti sostanze nutritive, come ferro, manganese, magnesio, acido folico, calcio, rame e potassio, vitamina A, acidi grassi omega 3 e vitamina C, in grado di contrastare la proliferazione di batteri, alleviare il dolore e il rossore diffuso, e normalizzare la condizione delle ghiandole del collo.